modalità Notte

La modalità Notte e le sue potenzialità in un nuovo video di Apple

La casa di Cupertino ha condiviso un nuovo video su Youtube che promuove e mette in risalto la Modalità notte di iPhone 11 e iPhone 11 Pro.

Nel video promo, Apple offre un confronto diretto tra le immagini scattate con e senza la Modalità notte attiva.

Apple nella sua storia ha fatto raramente dei confronti diretti nelle sue pubblicità, ma questo video rappresenta una delle rare eccezioni.

Lo scopo è quello di mostrare come la Modalità Notte può aiutare a migliorare le immagini scatte con l’iPhone in ambienti in cui l’illuminazione ò scarsa.

Questo video arriva a pochi giorni dalla chiusura del concorso “Shot on iPhone” indetto dalla Apple stessa e che ha richiesto agli utenti di iPhone che hanno partecipato al concorso di scattare delle foto in condizioni di scarsa illuminazione.

Apple annuncerà i vincitori del concorso il 4 marzo del 2020.

Per chi fosse interessato, il brano della canzone usato nel video è “We Only Come Out At Night” degli Smashing Pumpkins.

C’è da dire che, a parte la pubblicità, che i miglioramenti nelle foto scattate di notte tra gli iPhone 11 e le serie precedenti sono molto evidenti ed è molto facile vedere le differenze tra gli attuali modelli e quelli precedenti.

Bisogna però anche dire, ad onor di cronaca, che Apple non è l’unica ad aver implementato questa caratteristica nei propri prodotti, anche in ambito Android ci sono molti smartphone che hanno implementato una modalità simile e con dei risultati anche molto interessanti.

Tra i migliori concorrenti ad aver implementato la Modalità Notte, ci sono Huawei e Google.

Nelle prove che ho potuto fare con i vari dispositivi, posso dire che Huawei e Google in alcuni ambiti sono anche superiori ad Apple, per esempio sono riuscito a scattare delle foto con Huawei in condizioni di buio totale e riuscire ad avere comunque uno scatto usabile, ma perdono poi molto per quanto riguarda la fedeltà dei colori.

Altre storie
dove-e-app
Come utilizzare l’app Dov’è su macOS Catalina